Perché sono diventato una donna che viaggia da sola


Il mese scorso ho annunciato che avrei portato editorialisti mensili su questo sito. Il secondo mercoledì del mese, Kristin Addis di Be My Travel Muse sarà qui per darti ottimi consigli e consigli sui viaggi femminili da solista. La sua rubrica inizia questo mese. Conosciamola!

Mi sono seduto sulla spiaggia in Cambogia, stupito che esistesse ancora una spiaggia di sabbia bianca così incontaminata nel mondo. Non c'erano resort imponenti o persone con bevande fantasiose con ombrelloni che camminavano. Era praticamente vuoto. Questa è stata la mia seconda settimana viaggiando da solo. Ho comprato il mio biglietto di sola andata per il sud-est asiatico e, seduto su questa spiaggia, sapevo di aver preso la decisione giusta.

Non ero mai stato molto in viaggio quando ero più giovane e certamente non avevo mai fatto lo zaino in spalla da solo - o, davvero, per niente. Quattro anni prima, avevo vissuto a Taiwan come studente di lingue per otto mesi. Dopo essere tornato a casa e aver ottenuto un lavoro a tempo pieno come pensavo di dover fare, non potevo scrollarmi di dosso il desiderio di tornare in Asia. In quei giorni di nostalgia, non avrei mai immaginato che alla fine sarei partito per un viaggio a tempo indeterminato, che sono ancora due anni dopo.

Allora perché ho lasciato il mio lavoro per viaggiare per il mondo?

Anche se ho avuto successo professionale, non ero felice. Il mio cubicolo sembrava restrittivo. Il lavoro ha pagato bene, ma ho scoperto che i soldi non erano sufficienti per giustificare la spesa dei miei vent'anni a sostenere il sogno di qualcun altro. Mi sembrava che mancasse qualcosa. Avevo bisogno di avventura e non potevo scrollarmi di dosso il desiderio di tornare in Asia. Ma non ero sicuro di come farlo accadere.

Ho passato anni a desiderare la libertà, pieno di ricerche in luoghi lontani che sembravano così lontani da qualsiasi realtà che potessi immaginare da solo. Ho cercato su Internet una sorta di ispirazione. È stato possibile viaggiare a lungo termine senza un fondo fiduciario? Le donne potrebbero davvero viaggiare da sole in sicurezza? Non conoscevo nessun altro che potesse semplicemente abbandonare la propria vita e unirsi a me, quindi l'unico modo era farlo da solo.

Più leggo online, più ho capito che era possibile e più il sogno è diventato un residente permanente nella mia mente. Il desiderio divenne così grande, spesso era l'unica cosa a cui potevo pensare. Lasciare il mio lavoro e vendere tutte le mie cose era esattamente quello che dovevo fare per tornare in Asia, quindi ho escogitato un piano e l'ho seguito.

I pensieri nella mia testa echeggiarono le preoccupazioni dei miei amici. Sono pazzo di avventurarmi da solo? Mi chiedevo. Mi sparerò ai piedi finanziariamente e professionalmente? Sarà al sicuro? Sarò solo tutto il tempo? Avrò rimpianti?

Ma sapevo che il più grande rimpianto di tutti sarebbe stato quello di rimanere in una situazione di cui non ero contento: un mondo di macchine fantasiose, noleggio alto e abiti firmati che in qualche modo non sono mai riusciti a portarmi la gioia che mi era stato promesso .

Non credevo più nel "sogno americano". Non volevo un mutuo, una staccionata bianca, 2,5 bambini e un gatto di nome Fluffy. Nell'agosto 2012, ho elencato tutto ciò che possedevo su Craigslist e l'ho venduto nel giro di una settimana, poi ho prontamente concluso il mio contratto di locazione e sono uscito dal mio appartamento. A settembre, tremando nei miei panni, sono salito sull'aereo per Bangkok, senza nemmeno una stanza prenotata quando sono atterrato.

Seduto su quella spiaggia in Cambogia, mi sembrava di aver raggiunto la pentola d'oro alla fine dell'arcobaleno. Di cosa avevo avuto così paura? Si è rivelato tutto semplice, sicuro e facile.

Ho viaggiato da solo in tutti i paesi del sud-est asiatico, innamorandomi della cultura e del cibo. Ho lasciato le porte dei treni che passavano accanto a risaie a cascata nello Sri Lanka, mi sono tuffato con gli squali balena alle Maldive, ho camminato per oltre 100 miglia in Nepal mentre trasportavo tutto il mio equipaggiamento e ho fatto l'autostop da solo attraverso la Cina.

Queste esperienze mi hanno aiutato a capire come trovare i luoghi meno visitati, come essere invitato nelle case delle persone per sperimentare la vera cultura locale e come approfondire ogni luogo senza fare affidamento su una guida. Come viaggiatore singolo, queste opportunità sono spesso molte per me. Le persone vogliono portare viaggiatori da soli, c'è più spazio per uno e tutto può essere vissuto individualmente, fornendo una straordinaria esperienza di apprendimento sul mondo.

La bellezza del viaggiare da solo, specialmente da donna, mi ha anche insegnato molto su me stesso. Mi ha reso più indipendente, più forte e più resistente. Ho incontrato così tante donne fantastiche là fuori che fanno la stessa cosa, alcune delle quali hanno solo 18 o 19 anni.

Ho ricevuto innumerevoli e-mail da ragazze in situazioni simili, quelle che vogliono lasciarsi alle spalle una vita convenzionale per vedere il mondo. Dico sempre loro che se è nel loro cuore, devono farlo.

Nella mia rubrica mensile, puoi aspettarti di vedere più post su esattamente come farlo: come affrontare e superare la paura, come informare e reprimere le esitazioni dei tuoi amici e familiari, come terminare il contratto di locazione e vendere le tue cose, cosa mettere in valigia, come stare al sicuro, come trovare esperienze culturali più profonde e molto altro ancora. Ti mostrerò che è più facile di quanto pensi di viaggiare per il mondo come donna.

Viaggiare a lungo termine richiede assolutamente un balzo di fiducia, ma con la giusta preparazione, non deve essere spaventoso.

Kristin Addis è un'esperta di viaggi femminile solista che ispira le donne a viaggiare per il mondo in modo autentico e avventuroso. Ex banca di investimenti che ha venduto tutti i suoi averi e ha lasciato la California nel 2012, Kristin ha viaggiato da sola nel mondo per oltre quattro anni, coprendo tutti i continenti (tranne l'Antartide, ma è nella sua lista). Non c'è quasi nulla che non proverà e quasi da nessuna parte che non esplorerà. Puoi trovare altre sue riflessioni su Be My Travel Muse o su Instagram e Facebook.

Conquering Mountains: The Guide to Solo Female Travel

Per una guida dalla A alla Z completa sui viaggi femminili da solista, dai un'occhiata al nuovo libro di Kristin, Conquista delle montagne. Oltre a discutere molti dei consigli pratici per preparare e pianificare il tuo viaggio, il libro affronta le paure, la sicurezza e le preoccupazioni emotive che le donne hanno di viaggiare da sole. Presenta oltre 20 interviste con altre scrittrici e viaggiatori di viaggi femminili. Fai clic qui per saperne di più sul libro, su come può aiutarti e puoi iniziare a leggerlo oggi!

Loading...